QualitàComuni

Benvenuto
Chi siamo

Associati

Organizzazione
Responsabili Qualità
Statuto

Documenti

Programmi e Attività
Eventi
Presentazione
Convenzioni
Newsletter

Risorse

Links
Dove siamo
Scrivici
Area Associati





Associazione “QualitàComuni”




L’Associazione “QualitàComuni” ha ottenuto la certificazione di conformità del sistema di gestione per la qualità alla norma UNI EN ISO 9001:2008 per “Erogazione di servizi di auditing interno e monitoraggio del sistema di gestione degli associati”


Sei qui: Homepage » Associati » Cornate d’Adda (MB)
Associati
Cornate d’Adda (MB)

immagine inclusa nella scheda


Il Comune di Cornate d’Adda è situato nella zona della media pianura milanese, a circa 32 chilometri a nord-est di Milano, lungo la riva destra del fiume Adda. Geograficamente quindi, Cornate si colloca a ridosso della fascia pedemontana lombarda.

È assai probabile che il toponimo Cornate sia stato mutuato da Paolo Diacono il quale, nel suo libro Historia Langobardorum, afferma che gli eserciti di Alachi (usurpatore del trono) e Cuniberto, re legittimo alla fine del VII secolo, vennero a tenzone in campo cui Coronate nomen est. In seguito alla battaglia che lo vide prevalere, il re Cuniberto avrebbe edificato nella campagna un monastero in onore del beato Giorgio martire, di cui tuttavia non si sono trovate tracce.

La presenza longobarda sul territorio è corroborata da ritrovamenti archeologici che due diverse equipe di ricercatori hanno eseguito sul nostro territorio.

L’equipe del Prof. Brogiolo, della facoltà di Archeologia dell’Università di Padova, ha eseguito prospezioni in località Rocchetta, ove ha messo in luce la presenza di vari reperti fra cui una cospicua cisterna, probabilmente risalente al V secolo dell’era volgare, ed alcune tombe e fortificazioni probabilmente coeve, oltre ad abbondanti materiali ed oggetti di uso comune quali olle e ceramiche. Essendo collocata in posizione strategica su uno sperone di roccia, la località era probabilmente fortificata sia per controllare il porto sottostante che il fiume in generale.

In località Villa Paradiso ha operato un gruppo di ricerca diretto dal Prof. Lampugnani, della Società Lombarda di Archeologia, che ha messo in luce la presenza di una decina di tombe longobarde del VII-VIII secolo, ricava te in una preesistente villa rustica romana, risalente con ogni probabilità al I secolo della nostra era. Sono evidenti una pavimentazione in ciottoli rustici ed alcuni muri perimetrali, per un complesso di almeno nove ambienti. Possiamo quindi in via ipotetica desumere che il nostro centro sia stato abitato dai Romani, che lasciarono sul nostro territorio sia segni di una strada che attraversava l’Adda in località della centrale Bertini, che la villa rustica cui sopra si è accennato. Sono poi intervenuti i Longobardi che, a partire dal 569, occuparono tutta l’Italia del Nord.


FIM: ERRORE 2

Non vi sono riscontri storici significativi fino al 1538, anno in cui Carlo V diede Cornate, con altre terre, al marchese Pagano D’Adda. Alcuni dati demografici successivi ci informa no che Cornate contava 317 persone nel 1583, che raggiunsero la cifra di 715 alla fine del Seicento, ed erano per la maggior parte dedite all’agricoltura; tale situazione non cambiò in maniera significativa fino agli inizi del secolo scorso, quando furono costruite due centrali idroelettriche (Bertini ed Esterle) e si sviluppò l’industria a Milano, permettendo a molti di diventare operai. Nel 1870 il paese, con le due frazioni di Colnago e Porto, venne istituto come municipio e contava 3.973 abitanti.

Un cenno a parte merita la località di Villa Paradiso (probabilmente dal nome del proprietario delle terre, tale Paradixi), che è posta in una suggestiva posizione a dominare la valle dell’Adda, più propriamente della Bagna e del fiume sottostante. Fu fabbricata alla fine del XVI secolo dai Gesuiti e da loro gestita fino al 1773, quando la compagnia venne soppressa dall’imperatore d’Austria Giuseppe II. Oggi il vecchio caseggiato storico è stato rimaneggiato e l’unica vestigia di quei tempi è una piccola chiesa dedicata a Sant’Ignazio di Loyola.

La frazione più cospicua del Comune è Colnago, che fu anche Comune autonomo prima del regio decreto del 1870. In questa località due torri testimoniano i tempi feudali e, dopo opportuni restauri, si presentano in ottimo stato. Un altro monumento cospicuo è la Villa Sandroni, oggi ristrutturata e sede della Biblioteca Civica.
FIM: ERRORE 2

Più significativa appare la storia di Porto d’Adda, che già nel XII-XIII secolo si chiamava Portus de Coronatae. Col passare del tempo il guado acquisì maggiore importanza strategica e commerciale, dato che l’Adda segnò, dal 1428 al 1797, il confine tra il ducato di Milano (occupato prima dagli Spagnoli e poi dagli Austriaci) e la Repubblica di Venezia. Proprio durante il periodo della dominazione austriaca furono resi operativi gli studi per la costruzione di un canale navigabile, incominciati fin dai tempi di Leonardo, e nel 1777 vi fu l’inaugurazione del naviglio di Paderno, che permetteva il superamento delle rapide dell’Adda fra i Tre Corni e la località Rocchetta.
FIM: ERRORE 2

Tale opera consentì il collegamento del lago di Como con Milano, utilizzando, da Vaprio, il canale della Martesana. Oggi il canale è fatiscente, pur se studi ed interessamenti a livello europeo potrebbero permetterne una significativa ristrutturazione per finalità turistiche. Già dai prossimi anni tuttavia vi saranno interventi per recuperare ad uso culturale vecchi edifici lungo il canale.

A livello della conca grande del Naviglio sorge, su uno sperone di roccia incombente sul fiume, il santuario della Madonna della Rocchetta, il cui toponimo rimanda ad un uso militare del manufatto. La chiesa fu eretta al tempo della costruzione del Duomo di Milano (1386) dal fisico Beltrando Cornatese, che vi chiamò i frati eremiti dell’ordine religioso di Sant’Agostino, i quali occuparono la località per pochi decenni, poiché all’inizio del XVI secolo Filippo Maria Sforza trasformò l’altura rocciosa in un fortilizio, pur lasciando intatta la chiesa. Oggi il santuario è stato restaurato ed è utilizzato per funzioni religiose.



FIM: ERRORE 2
Da un punto di vista amministrativo il Comune di Cornate d’Adda ha una storia relativamente breve: venne infatti istituito come municipio con il Regio Decreto del 9 giugno del 1870 insieme con le due frazioni di Porto d’Adda e di Colnago, poste rispettivamente a nord e a sud del capoluogo.

I servizi pubblici essenziali garantiti dal Comune di Cornate d’Adda alla propria cittadinanza sono suddivisi in tre grandi settori:
  1. servizi di amministrazione generale,
  2. servizi alla persona,
  3. servizio di polizia municipale.



L’Amministrazione Comunale di Cornate d’Adda, operando nel rispetto delle leggi vigenti e nell’intento di migliorare continuamente la qualità e l’affidabilità dei propri prodotti e dei servizi erogati, ha deciso di introdurre all’interno dell’Ente Comunale un Sistema Qualità in conformità ai requisiti, generali e particolari, che sono specificati dalla norma UNI EN ISO 9001:2000.

L’Amministrazione Comunale ha quindi incaricato il Responsabile Assicurazione Qualità di mettere in atto un Sistema Qualità conferendogli l’autorità e la responsabilità necessarie per assicurare il pieno rispetto di quanto indicato nell’apposito manuale della qualità.

La corretta attuazione del Sistema Qualità è un impegno pienamente condiviso ed appoggiato dalla Amministrazione Comunale e viene perseguito da tutti i componenti dell’organizzazione, consapevoli del loro contributo personale alla realizzazione della qualità globale dell’Ente Comunale.




#INCLUDE_HTML_HERE#

FIM: ERRORE 2
Sito web: www.comune.cornatedadda.mb.it


» Indice degli Associati
» Dalmine (BG)

 
▲ inizio pagina ▲

 

Associazione “QualitàComuni”
via Alessandro Volta 29 — 20872  Cornate d'Adda  MB

telefono +39 039 68741     fax +39 039 6926119     email  Indirizzo email protetto dal bots spam. Devi abilitare Javascript per vederlo.

 


 

disclaimer privacy warning credits

Contents © 2018 by QualitàComuni
Design and Engineering © 1997-2019 by Castrovinci & Associati